I miei brand

Questi sono attualmente i marchi di mia proprietà. 

La registrazione di un marchio, quindi di un logo, spesso è vista come una spesa inutile, superflua e che non porta vantaggi concreti. Sotto certi aspetti questo è vero, ma la registrazione non permette solo di proteggere un nostro progetto, una nostra idea, una nostra impresa o un'attività commerciale: è anche un modo per dare valore alle idee e alle cose.

E' un'occasione per dire al mondo, e nel caso al mercato dove operiamo, che il nostro logo, e di conseguenza la nostra attività (amatoriale o professionale non fa differenza) è meritevole di attenzione: è una cosa seria.

Inoltre, consigliare ai miei interlocutori di registrare il proprio logo spesso è servito per risolvere diverse problematiche altrimenti complicate da affrontare. Attenzione solo a non confondere la registrazione del logo con la registrazione dei brevetti, delle opere di design oppure con i diritti di autore che sono, anche se ci proteggono, una cosa diversa.

PS: Il logo del “Museo del basket di Milano” è in proprietà condivisa al 50%.

Pubblicato in prima revisione il 29-02-2020
Tutti i diritti sono riservati.